BIOGRAPHIA

Céline GUINVARC'H è nata il 13 aprile 1972 a Clichy.

Sin da bambina ha una affinità per le arti plastiche e sviluppa molto presto una sensibilità artistica nel campo della grafica.

A 16 anni inizia la pratica dell’Aikido e del Katsugen-Undo ( movimento rigeneratore ) con Régis Soavi al Dojo Tenshin a Parigi.

Suo padre, grafico illustratore, le insegna il mestiere e lei si forma all’arte del manifesto pubblicitario con il cartellonista Guy Mocquet.

Partecipa a concorsi per manifesti pubblicitari e segue dei corsi di pittura a olio. Nel 1990, dopo aver mostrato il suo book, è assunta come grafico impaginatore nell’agenzia di pubblicità Intertitres, filiale di DDB Needham, dove, rapidamente, assiste il Direttore Creativo nelle sue funzioni e lo rimpiazza durante le sue assenze.

È durante questo periodo che scopre l’arte del kakemono, montaggio tradizionale cinese e giapponese di pitture e calligrafie, (oggi più conosciuto sotto il nome di kakejiku ), grazie al libro di Claire Illouz Les Sept Trésors du Lettré.

Comincia quindi i suoi primi tentativi. Non avendo avuto la possibilità di andare in Giappone per seguire l’insegnamento di un maestro, continua da sola le sue esperienze con i kakemono, basandosi sull’opera di Claire Illouz, la sua formazione di grafico e la sua personale sensibilità artistica.

In questa ricerca personale, è guidata dalla sua pratica al Dojo e dall’insegnamento che emana dalle calligrafie del maestro Itsuo Tsuda.

L’anno 2000/2001 sarà un anno ricco di avvenimenti: Su domanda di una giornalista italiana, scrive un articolo sulla sua pratica ed il suo savoir-faire Il Kakemono, un’arte tradizionale, una filosofia, che è pubblicato nel giugno 2000 a Milano nella rivista Arti d'Oriente.

Da Dicembre a Giugno, anima uno stage all’Adac ( Paris 6ème ) con Claire Kito per i suoi allievi di calligrafia cinese e partecipa, con tre altri artisti, all’esposizione Voyage dans un pays de papier allestita per un mese (maggio – giugno 2001) all'Espace Hattori, centro culturale franco-giapponese ( Paris 11ème ). Mentre il suo lavoro incontra già un’accoglienza molto favorevole, lei prosegue ancora per diversi anni la sua ricerca prima di decidere di farsi conoscere da un più largo pubblico.

Da molti anni lei realizza dei kakemono per la scuola Itsuo Tsuda e nel 2007 quest’ultima le propone di iniziare all’arte del kakemono un gruppo di persone provenienti dai Dojo di Milano, Ancona, Parigi e Tolosa. Attualmente, sempre continuando la realizzazione dei kakemono della scuola Itsuo Tsuda, lei risponde a commesse provenienti da artisti e da privati e lavora parallelamente ad una collezione di creazioni personali.